Sara Affi Fella racconta al giornale “Chi” la sua versione dei fatti

mercoledì, 09/01/2019 14:00 da ludo_92 Inserisci un commento »

Dedichiamo questo articolo di oggi a Sara Affi Fella, ex tronista di Uomini e Donne.

Sappiamo tutti quello che ha passato Sara in questi mesi e finalmente, oggi, attraverso un’intervista rilasciata al giornale “Chi” di Gabriele Parpiglia, ha raccontato tutta la sua verità.

Ecco le sue parole :

“…Non passo per la vittima. Non passo per l’ingenua che ha sbagliato a causa della giovane età, né per la scalatrice sociale disposta a tutto per fama e soldi. Metto la faccia e chiedo scusa. Chiedo scusa a Maria De Filippi, a Raffaella Mennoia, alla redazione di Uomini e Donne, insomma a tutti. Ho tradito la loro fiducia. Quando ero sul trono ero ancora fidanzata con Nicola Panico, ma non avevo il coraggio di dirlo a chi mi stava offrendo un’opportunità. Vi prego, non lanciate sassi contro di me, perché sto male. Non so più come urlarlo. Avevo paura di deludere le persone. Non ce l’ho fatta e ho “rubato” il sogno a un’altra ragazza. Se ha detto la verità? No. Più volte gli ho detto che volevo lasciare, lui mi diceva: “Continua perché è un’opportunità”. Dovevo ascoltare me stessa. Non ho avuto la forza, anzi ne ho approfittato come se fossi “drogata” dalla tv. Lui era complice quanto me. In video c’ero io, ma dietro eravamo in due. Durante il trono, in silenzio, sono stata male fisicamente. Nicola lo ha raccontato e ha violato un dato sensibile. Ho subito un intervento grave. In quel momento lui era con me. Avevo un melanoma maligno, non c’ero con la testa. Quando ho ripreso in mano la mia vita ho capito che Nicola era un affetto fraterno. Per me era finita. Succedeva ad agosto. Dopo il trono e prima che il caos scoppiasse. Non è vero che era nascosto nell’armadio, quando Luigi Mastroianni è venuto a Venafro. Follia, falso. Non so nemmeno come abbia potuto dire una cosa simile. Aveva capito che mi aveva perso e si è vendicato. Diventa un film horror. Vittorio mi lascia e fa bene. Mi sono sentita un involucro vuoto. Sono entrata in anoressia, ora mi segue uno psicologo. Ho chiuso i social perché gli haters mi stavano massacrando il cervello. Del lavoro perso non m’importa. La testa, quando viene colpita, fa brutti scherzi. Sono stata chiusa in casa per mesi. Tutte le stupidate scritte sui social erano fake news. Non vedevo la luce. Ho subito: minacce di morte, mio padre è stato umiliato sul lavoro. Svegliarsi la mattina e leggere: “Muori. tr..a” o “Ti sei venduta per una borsa Gucci” anche sui muri… fa male. Se ho perso peso? Si. Prendo farmaci che gonfiano molto. Questo è un urlo di dolore. Ho guadagnato qualcosina. L’essere indipendente per la prima volta, mi ha fatto star bene. Ma è stato un errore. Non volevo, non dovevo. Stop. Non sapevo come uscirne. Con i soldi rimasti ho pagato la retta universitaria. Durante la trasmissione scelgo Luigi. Ma in realtà non era amore. Ho provato a conoscerlo lontano dalle telecamere, ma la storia non è decollato lo stesso. Così, quando lui viene a casa mia per parlarmi e per dirmi che le cose non vanno, ci lasciamo. E a dire la verità, mi tolgo un peso. Questa stories risale al 9 agosto. L’ha tirata fuori un profilo fake per fare notizia. Follia. Ho conosciuto il cyberbullismo che nasce dai social. Fa malissimo. Dico solo: attenzione. Non aggiungo altro. Io merito di vivere come una ragazza normale. Se tornassi indietro? Non accetterei il trono, non prenderei in giro professionisti come Maria, alla quale chiedo ancora scusa. Mi sono fatta schifo, non volevo più essere Sara. Non cerco di nuovo fama e popolarità, ma voglio andare a prendermi un caffé senza gli sguardi d’odio della gente. Abbiate pietà. C’è stato un momento in cui non volevo essere più Sara, ho odiato me stessa, mi sono fatta schifo. Ma ripeto: abbiate pietà. A Natale ho sentito Vittorio Parigini per gli auguri. E’ stata una bella sensazione. Ma in primis voglio tornare a vivere!..”

 

E voi cosa ne pensate? A voi i commenti.

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici...

Leggi anche...


Per poter commentare questo post hai bisogno di un account.

     

oppure Registrati subito